|

Torna indietro

Inaugurazione 21 pianoforti in concerto

Main Concert di musica Contemporanea
13 ottobre 2016 ore 21:30
in Colonnato Piazza del Plebiscito

Patrizio Marrone: "Riflessioni" per 21 pianoforti di  in prima esecuzione assoluta, Direttore: Mariano Patti

Scrivere musica per "Piazza del Plebiscito" significa pensare alla geometria della piazza, all'emiciclo delimitato dal colonnato, alle risonanze del porticato, agli echi, agli ampi spazi, nei quali il suono dovrà espandersi e prender corpo come una scultura. Perché 21 pianoforti? 21 sono gli spazi tra una colonna e l'altra di quella sezione dell'emiciclo destinata ad accoglierli. Ma i pianoforti potrebbero anche essere 42 o molti di più, potrebbero riempire l'emiciclo o l'intera piazza, perché essi suoneranno all'unisono con l'anima della città. E come la città, multiforme e stratificata, mostra attraverso gli scavi le fondamenta della sua storia lunga e sofferta, anche Riflessioni presenta una struttura stratiforme, che inizia con accordi pacati e ripetuti e procede con la sovrapposizione di più melodie, temi dolenti che a poco a poco crescono ritmicamente fino a sfociare in una solarità timbrica che sembra non volere andar via. Immagini timbriche dai contorni sfumati  o dai ritmi vorticosi scorrono e si succedono fino a dissolversi in fotogrammi scomposti, simulacri della storia della città, della vita del popolo che ha riempito la piazza, ha urlato, ha gioito, ha pianto, ha ascoltato.
Gradualmente il brano ritorna al clima meditativo iniziale, alla sua fissità, pronto a ripartire per riproporre nuovamente i suoni e le immagini da essi evocate. Allo stesso modo si ripropone la vita della città, forte della sua irrinunciabile identità.
Patrizio Marrone

PIANISTI

  • Francesca Bandiera
  • Mariano Bellopede
  • Lorenzo Campese
  • Riccardo Caruso
  • Sara D'Allocco
  • Dora Dorti
  • Luigi Gagliardi
  • Angelo Gala
  • Ivano Leva
  • Tania Malatesta
  • Patrizio Marrone
  • Carlo Martiniello
  • Gennaro Musella
  • Mimmo Napolitano
  • Carla Orbinati
  • Nicola Ormando
  • Massimo Russo
  • Luigi Trivisano
  • Gabriele Troisi
  • Fausto Trucillo
  • Lina Tufano

W. A. Mozart: Lodron-Konzert, Concerto per 3 pianoforti e Orchestra (Rielaborazione per 4 pianoforti)

PIANISTI

  • Iole Barbarini
  • Carol Gasparri
  • Lina Tufano
  • Luigi Gagliardi (riduzione Orchestrale)

A. Vivaldi - J. S. Bach: Concerto per 4 pianoforti e Orchestra BWV 1065, Orchestra Giovanile D. Cimarosa del Conservatorio di Avellino,  Direttore: Roberto Maggio

PIANISTI

  • Dario Candela
  • Maria Gabriella Mariani
  • Cinzia Dato
  • Antonio Smaldone

Patrizio Marrone

Nato a Napoli, è autore di musiche sinfoniche, cameristiche e per il teatro. Si è diplomato in Pianoforte con Massimo Bertucci e in Composizione con Bruno Mazzotta. Nel 1988 è stato ammesso alla Hochschule fur Musik di Karlsruhe per un Kontactstudium con Wolfgang Rihm, frequentando, poi, i 'Corsi speciali di Composizione' con Giacomo Manzoni presso la Scuola Musicale di Fiesole e alcuni seminari tenuti da Franco Donatoni. La sua carriera di compositore lo ha portato nei principali teatri italiani, Milano, Roma, Venezia, Firenze, Bologna, Bergamo, Livorno, Forlì, Verona, ed a collaborare con importanti enti e manifestazioni quali l'Ente Lirico di Cagliari, il Teatro San Carlo, l' Ensemble Modern di Francoforte, Auditorium del Parlamento Europeo, le Settimane di Musica d'Insieme dell' Associazione Alessandro Scarlatti, il Festival 900 Europeo, l' Estate Musicale Sorrentina, Il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli ed il Festival di Ravello. All' estero è stato ospite del Conservatory of Cincinnati negli Stati Uniti, al Teatro dell'Opera di Rouen e al Festival di Belfort in Francia e in Canada al festival "JUSQÙAUX OREILLES". Ha anche partecipato, in più occasioni, a programmi radiofonici della RAI, di RADIO VATICANA e RADIO FRANCE. 
Nella sua vasta produzione figurano numerose composizioni cameristiche come Recitativo e Contrappunto, Conversazioni con le cose senza nome, Kammerkonzert, Adagio per archi, Quartetto per archi , La marriée mise a nu, Tre studi per Kammermusik, Sestetto, Divertimento, Adagio e allegro, Polittico, Studi per pianoforte, Meditazioni su 'Ave Maris Stella', Meditazioni sul 'Tannhäuser', Concertino in forma di passacaglia per corno e corni, Sinfonia per archi, Suite da camera, Concerto per trombone e orchestra d' archi, Sinfonia n. 3, i balletti quali La Bella e la Bestia, Le Troiane, Magnificat, Adagio a tre voci, Rossini Circus, nonché una commedia musicale per bambini, Il Respiro del Bosco. Il suo interesse per i capolavori letterari lo ha spinto alla creazione di originali forme di teatro musicale cameristico quali Cantata per Cirano, Memorie di una Maschera, Don Chisciotte, mentre nella sua produzione un aspetto molto importante assumono le musiche di scena La Tempesta, Sogno di una notte di mezza estate, Il Candelaio, Romeo e Giulietta, Commedia degli equivoci, Amleto,tanto per citarne solo qualcuna. Ha composto inoltre l'opera musical Masaniello. Nel 2003 ha composto la commedia musicale 'Annata Ricca' che ha debuttato al teatro Politeama di Palermo. Il 7 maggio 2008 è stato eletto Direttore del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli dove è docente di Composizione e dove, dal 20 Marzo del 2000 al 16 settembre del 2004, ha anche ricoperto il ruolo di vicedirettore. Presso la stessa istituzione è stato 'coordinatore del progetto relativo alle revisioni e esecuzioni di opere inedite custodite presso la 'Biblioteca San Pietro a Majella' curando, nell'ambito di tale progetto,la revisione dei mottetti per le quarant' ore di 'Erasmo di Bartolo', monumentale opera sacra del 17°secolo. Patrizio Marrone attualmente è 'composer in residence' degli 'Incontri internazionali di Cornisti Guelfo Nalli'.

Tratto da Biografia di Patrizio Marrone

 

Torna su